Cucina e dintorni 4 minuti 22 ottobre 2021

In viaggio a Zagabria e nella regione dei vini, con un Ispettore MICHELIN

Croatia Michelin Guide

Visitare e valutare i ristoranti, è il compito principale di un ispettore della Guida MICHELIN. Una volta in missione, nella sua città d’origine, nel suo paese o a livello internazionale, ogni ispettore aspira a trovare le opportunità gastronomiche più allettanti offerte dal territorio.
La sfida è ancora più impegnativa e stimolante durante i viaggi all’estero. Quando visitiamo un nuovo paese, ci comportiamo come semplici turisti: studiare i trasporti è il primo passo per muoversi, poi ci interessiamo alla cultura alimentare e, infine, selezioniamo i ristoranti da visitare. In realtà, questo non è - però - l’ultimo passo. Una volta sul campo, cominciamo lentamente a scoprire la realtà quotidiana, le abitudini, i posti migliori e ciò che interessa tutti noi... i prodotti migliori!
Nel difficile contesto sanitario dell’anno scorso, abbiamo viaggiato con diverse restrizioni. Siamo stati spesso costretti a compilare molti moduli, osservare quarantene, effettuare tamponi... Tuttavia, abbiamo superato con successo il periodo primaverile ed estivo: il più importante per la maggior parte della selezione dell’Europa meridionale.
Uno dei nostri ispettori ha trascorso un po’di tempo a Zagabria, una città estremamente bella, nota per il suo clima culturale, i mercati invernali e.… un’ottima, anche se meno celebre, produzione vinicola!
Durante la visita, si è imbattuto in alcuni interessanti produttori della zona, decidendo di porre qualche domanda sulla regione vinicola intorno alla città e sui suoi principali produttori a Ivan Jug, uno dei più noti sommelier del paese e direttore del ristorante Noel.

Noel ©Hrvoje Serdar
Noel ©Hrvoje Serdar
©Noel
©Noel

Ecco una sintesi dell’intervista.

Ivan Jug:

Non è un segreto che la pandemia ha posto sfide enormi al nostro settore. Mentirei se ti dicessi che non abbiamo affrontato tempi duri, per un certo periodo. In queste particolari circostanze, è naturale.
Fortunatamente, siamo una squadra incredibilmente motivata. Abbiamo quindi accettato la situazione come un’opportunità per dare il meglio di noi stessi. “Nuove opportunità” è anche il titolo del cortometraggio che abbiamo girato durante l’isolamento.


Le circostanze imprevedibili affrontate durante il lockdown hanno accelerato alcuni cambiamenti che avremmo dovuto attuare molto tempo fa. Invece di ridurre i costi, abbiamo deciso di passare al livello superiore, fissandoci obiettivi qualitativi ancora più alti. Abbiamo avuto il tempo di imparare e sperimentare, creare e trovare nuovi straordinari fornitori...
Non serviamo più il pranzo, che era un’offerta più leggera e orientata a una “filosofia bistrot”, e ci siamo concentrati sull’esperienza gastronomica serale.


I clienti hanno presto riconosciuto la nostra crescita qualitativa e ci hanno premiato con una presenza ancora maggiore.
Zagabria ha ritrovato il suo dinamismo. Quest’estate, la città ha accolto numerosi eventi culturali, musicali, sportivi e gastronomici. Il nostro ristorante Noel ha superato i livelli di frequentazione del 2019. Possiamo affermare con certezza che - dall’apertura - questa è stata la nostra estate migliore! Anche quest’estate, i turisti sono stati numerosi. La Croazia è diventata una destinazione molto popolare, in virtù della situazione sanitaria favorevole; quindi, gran parte delle nostre strutture turistiche erano piene. Durante il lockdown, tutti abbiamo sofferto soprattutto dell’impossibilità di socializzare. I ristoranti non sono solo un luogo in cui gustare cibi e vini, ma hanno un importante ruolo sociale. La gente non vedeva l’ora di ricominciare a frequentarci.


Mi sono innamorato del vino molto tempo fa, e questa passione ha influenzato tutta la mia vita. Non è trascorso un solo giorno senza che arricchissi le mie conoscenze enologiche. In questa ricerca, ho accumulato ricordi ed esperienze incredibili. Una delle più memorabili è stata forse la visita alle cantine Romanée-Conti, un’opportunità che non molti di noi hanno avuto.


La regione di Zagabria, anche se non è conosciuta come l’Istria, produce molti ottimi vini. Le sue dolci colline, combinate con il clima continentale, ricordano quelle della Borgogna.

Abbiamo due regioni: a ovest di Zagabria ci sono le colline di Plešivica, con cantine come Korak, Tomac, Šember.
Korak è una rispettabile azienda vinicola delle colline di Plešivica, che produce vini di alta qualità, stilisticamente simili a quelli della Borgogna. Vinifica soprattutto Pinot Noir, Chardonnay, Riesling del Reno. Si tratta di vigneti puliti, tecnicamente eccezionali, genuini, con piccole rese, coltivati senza erbicidi. Vini precisi, prodotti senza inutili sperimentazioni, dal gusto netto, con un bell’equilibrio di legno e aromi di frutta.
Il miglior vino della casa è forse il Pinot Noir, con aromi di bacche rosse, fragole selvatiche fresche, sentore di terra, funghi di bosco, tè verde, olive nere. Lo servirei con un nostro piatto storico, quaglia con mirtilli, tartufo e lavanda
.

Plesivica ©xbrchx_iStock
Plesivica ©xbrchx_iStock

La Strada del Vino Plešivica vi porterà dritto tra le dolci colline lungo le quali si estendono chilometri di vigneti.

Negli ultimi anni, Plešivica si è affermata come una regione vinicola importante, particolarmente apprezzata per la qualità dei suoi spumanti. Oltre a ciò, qui troverete anche qualcosa di completamente insolito: i vini in anfora. In linea con le tendenze mondiali, sempre più viticoltori di Plešivica si rivolgono a una produzione completamente naturale, e lo stesso vale anche per il cibo. Ispirati da una lunga tradizione locale, i ristoranti Žumberak vi delizieranno con una cucina del territorio di alta qualità.


Zelina Wine Road è invece caratterizzata dalla Kraljevina. Si tratta di una varietà autoctona di vino presente solo qui, e connotata da una certa leggerezza e freschezza che la rendono ideale per le calde giornate estive. Oltre alla Kraljevina, c'è anche il Kraljica, uno spumante prodotto con la stessa varietà. Prosegiendo nel nostro viaggio, incontriamo Samobor, una destinazione molto gettonata dalla gente di Zagabria: è qui che si può gustare una deliziosa torta farcita con crema pasticcera, sorseggiando il tipico Bermet aromatizzato con carruba, uvetta e fichi a cui viene aggiunto durante il processo di fermentazione l’assenzio, che gli conferisce una caratteristica nota amara. Un suggerimento per una curiosa visita? Grgos Cave!


E per godersi en plein air alcune delle bellezze della regione, qui di seguito alcuni itinerari interessanti.

"Se l'occasione ti porta a percorrere le belle strade del vino della regione di Zagabria, puoi essere sicuro che avrai non solo l'esperienza delle migliori selezioni enoiche, ma anche una serie di incredibili avventure, indipendentemente dal fatto che tu stia effettuando un viaggio business o leisure”
Samobor è una pittoresca cittadina con una lunga storia, ricca di patrimonio culturale e dintorni attraenti con un centro storico ben conservato. Ubicata sulle pendici orientali dei Monti Samobor, all'ingresso della romantica valle del torrente Gradna, la passeggiata intorno alla città inizia con un tour della zona vecchia intorno a Piazza Re Tomislav (stile tardo classicista o Art Nouveau). Nelle vicinanze si trovano la chiesa parrocchiale di Sant’Anastasia, una rara costruzione del primo barocco, mentre imperdibile resta il castello di Livadić dove oggi si trova il Museo di Samobor. Un piacevole passeggiata lungo il torrente Gradna conduce all'inizio del centro storico di Samobor, costruito dal re ceco Otokar nel 1268.

E per accontentare anche il palato – e non solo la vista – vivamente consigliata la Rudarska Greblica: torta salata (detta dei “minatori”) IGP, nonché 29 ° prodotto croato con nome protetto nell'Unione Europea.

Tornando – invece - alla strada del vino Plešivica fermatevi in una delle tante cantine (come la Jagunić) per una degustazione guidata e sostate in uno dei tanti ristoranti facenti parte del circuito "Sapori della regione di Zagabria"… senza rinunciare alla plešivički copanjek: la tradizionale torta salata.

Spesso la giornata è troppo breve per tutto ciò che le strade del vino della regione di Zagabria possono offrire. Ecco perché ci sono case vacanza, da quelle moderne a quelle più tradizionali in legno, che trasformeranno il viaggio in un'esperienza indimenticabile anche il tempo di un solo fine settimana.

Samobor Hills ©xbrchxi_Stock_
Samobor Hills ©xbrchxi_Stock_

Hero image: Zagreb, vista aerea ©Dreamer4787_iStock

Cucina e dintorni

Continua ad esplorare - Articoli che potrebbero piacerti

Segui la Guida MICHELIN sui social per aggiornamenti e informazioni dell'ultima ora.