Cucina e dintorni 1 minuto 14 agosto 2020

Focaccia di Recco: semplice golosità

Composta da due strati di pasta sottile con formaggio quasi liquido all’interno, la focaccia di Recco – sintesi di croccante morbidezza e dolce sapidità - è una delle specialità liguri più conosciute e apprezzate.

Michelin Guide

Le cui origini potrebbero addirittura risalire ai tempi della terza crociata e per la precisione alla Pentecoste di rose dell’anno 1189.
Testimonianze dell’epoca narrano infatti che nella Basilica di San Fruttuoso vicino a Portofino, la focaccia di semola con giuncata appena rappresa era uno dei piatti del banchetto preparato per il solenne Te Deum che anticipava la partenza dei crociati verso la Terra Santa. Altro interessante cenno storico sull’invenzione dell’alimento, va rintracciato nella necessità dei recchesi (o recchelini nell’antica tradizione dialettale genovese) di sfuggire alle invasioni saracene. Gli abitanti trovarono rifugio nell’entroterra ed avendo a disposizione olio, farina e formaggetta inventarono la focaccia che avrebbero poi cotto s’una pietra di ardesia. Nel diciannovesimo secolo la focaccia col formaggio iniziò a diffondersi nei cinque forni di Recco e quando nel 1885 aprì l’Osteria Manuelina – oggi tra i locali di riferimento per la celebre creazione come sottolineato dagli ispettori MICHELIN – il prodotto veniva proposto quasi unicamente durante la celebrazione dei morti. Nelle decadi successive e fino ai giorni nostri l’insegna della famiglia Carbone contribuì non poco alla fama e diffusione del prodotto principe di Recco (piccolo comune di fondazione romana nascosto da un’insenatura nel Golfo Paradiso) attirando gastronomi e personalità del calibro di Montale ed Einstein.

Oggi la Focaccia di Recco IGP ha un suo consorzio di tutela ed una festa dedicata l’ultima settimana di maggio. Comunemente servita al taglio ed in forma tonda, rettangolare o quadrata, i segreti della sua bontà sono tramandati di generazione in generazione dai panificatori della zona che nel corso dei secoli hanno sostituito il ripieno di prescinseua - antico prodotto caseario locale - con stracchino o crescenza ligure dalla Valle Stura. Le migliori focacce di Recco si riconoscono dalla pasta sottile (gli ingredienti per prepararla sono farina di grano tenero, olio EVO, sale, acqua minerale) a superficie irregolare costellata di bolle e piccole spaccature da cui esce il morbido formaggio per pause gourmet d’irresistibile, avvolgente e golosa semplicità.

Cucina e dintorni

Continua ad esplorare - Articoli che potrebbero piacerti