Commenti
In Viaggio 1 minute 29 giugno 2020

Forte dei Marmi: un fortino gastronomico

Dal Forte Iorense edificato nel 1788 dal granduca di Toscana Leopoldo I a fortino gastronomico della guida MICHELIN con cinque insegne stellate, la mondana Forte dei Marmi ha una storia legata a varie forme di aristocrazia e di riposo estivo alto spendente.

Michelin Guide

Frequentata da nobiltà, dinastie e mondo della finanza sin dal XIX secolo, la località marittima ha evoluto la sua offerta gastronomica di conseguenza fino a diventare una delle grandi destinazioni gourmet d’Italia e punta di diamante del movimento culinario versiliese. Zona di spiagge dorate, colline ed Alpi la cui moltitudine d’ingredienti funge da perfetta ispirazione per moltissime ricette gourmet.
Istituzione dell’ospitalità locale come l’Agustus Lido (celebre dimora in stile neorinascimentale degli Agnelli) ed il lusso senza tempo del Byron che ospita La Magnolia nei suoi storici spazi. Risorsa stellata dove “l’impronta schietta e scevra di ogni tecnicismo” dello chef Cristoforo Trapani, raccoglie ed evolve la ricca tradizione mediterranea proponendo grandi intuizioni (morone alla mugnaia, asparagi di mare, bottoni di bottarga) ed irriverenti dessert come il rigatone, pomodoro e mozzarella.

I trent’anni di onorata esperienza, l’ottimo pesce, mille etichette in cantina ed un servizio sempre curato e professionale sono qualità certificate di Lorenzo. Stella leggendaria per le bavette risottate con scampetti, totanini, seppie, gamberi biondi ed il bollito misto di crostacei e pescato bianco del giorno. Il tuffo nel mare della Versilia “offerto in svariate declinazioni dal crudo al vapore alla brace” prosegue al Bistrot. Percorsi stellati dai raffinati estetismi (scampi arrostiti, pino e pinoli; aragosta nel forno a legna, fagiolini verdi, limone) serviti nell’elegante sala dalle pareti di legno bianco oppure accompagnati dal canto delle maree per chi si accomoderà nei tavoli esterni adiacenti al celebrato arenile.

Ultimo ma non ultimo elevato alla stella, il ristorante Il Parco di Villa Grey all’interno del quasi omonimo hotel Villa Grey, dove il dehors sarà cullato da un insospettabile giardino ove saggiare fragranze di Versilia col tocco inventivo ed originale dello chef. Citiamo infine il bravo chef Valentino Cassanelli del ristorante Lux Lucis, luminosa, nel senso letterale del termine, stella MICHELIN dell’Hotel Principe Forte dei Marmi: l’hotel riaprirà nel 2020 mentre lo stellato rinvia al 2021 il suo gran ritorno alla quotidianità.

Li aspettiamo con gioia!


In Viaggio

Continua ad esplorare - Articoli che potrebbero piacerti

Segui la Guida MICHELIN sui social per aggiornamenti e informazioni dell'ultima ora.