Vini 3 minuti 20 dicembre 2022

Vino e vacanze: gli interessanti consigli di un noto sommelier

Le festività natalizie sono forse il periodo più atteso dell’anno per chi ama il cibo e il buon vino. Ma con l’immensa varietà di aromi e sapori offerta dalle vecchie e nuove tradizioni natalizie e la scelta quasi illimitata di vini, sapere quali bottiglie scegliere ed abbinare a ciascun piatto rischia di diventare un’esperienza quasi ansiogena per chi ambisce al cenone perfetto. Tutti, prima o poi, ci siamo posti gli stessi interrogativi: quando si stappa lo Champagne? Quale vino abbinare a un certo piatto? Quando va aperta quella bottiglia speciale?

Michelin Guide Robert Parker Vino

Come veterano attivo da 22 anni nel settore della ristorazione e dell’ospitalità, ho trascorso innumerevoli stagioni natalizie in sala, servendo raffinate delizie preparate da chef stellati di fama mondiale. Ho abbinato e versato vini fra i più pregiati e iconici, provenienti di tutto il mondo. La mia passione per la cucina e la mia insaziabile sete di conoscenza nel campo dell’enologia mi hanno portato ai vertici di varie organizzazioni vinicole, fino ad arrivare alle soglie di prestigiosi titoli mondiali. Oggi sono uno degli esperti di Robert Parker Wine Advocate e recensisco i vini prodotti in Sudafrica e nello Stato di Washington, pur restando fedele alla mia anima di sommelier. Quindi, oggi cercherò di rispondere a qualche interrogativo, sfatando alcune leggende sul vino e offrendo suggerimenti utili per le Feste.

Champagne: quando aprirlo?

Questo è un falso problema. Non c’è mai un momento sbagliato per aprire lo champagne, prima, durante o dopo le Feste. Molti pensano, erroneamente, che lo champagne serva solo a festeggiare. Nulla di più falso. Da appassionato di vino, tengo sempre in cantina un piccolo "arsenale" di champagne. Lo champagne si abbina magnificamente non solo a un’ampia varietà di piatti e ai sapori più diversi, ma possiede anche la capacità quasi magica di migliorare l’umore e rallegrare la giornata. Si abbina senza problemi a qualsiasi frittura, può spaziare nel variegato spettro di sapori dei canapé e degli antipasti e completare mirabilmente un’ampia gamma di piatti. È un modo fantastico per dare vita a una festa o per iniziare un pasto luculliano con amici e familiari. Se invece volete godervi una stagione natalizia più tranquilla e intima, vi consiglio di aprire una bottiglia di champagne al risveglio. Sì, avete capito bene: lo champagne può essere una bevanda divina con la prima colazione, a dimostrazione che non esiste un momento sbagliato per stappare uno champagne.

Osate! Fatevi questo dono trasgressivo e, se qualcuno vi osserva stupefatto, ditegli che si tratta del consiglio di un sommelier. Dimenticavo... bevete con moderazione.

© DNY59/iStock
© DNY59/iStock

Quale vino abbinare a un determinato piatto?

Come sommelier, potrei esprimere convinzioni e opinioni ben definite su quali vini si abbinano meglio a determinati piatti. Ma so anche che nessuno sente davvero il bisogno di un ennesimo sommelier che spieghi cosa dovremmo bere con quello che mangiamo. Durante le Feste e i pasti più memorabili dell’anno, tendo a bere quello che voglio, quindi non vi impedirò di fare lo stesso. Se volete gustare un vassoio di crostacei freschi con un vino rosso fortemente tannico, non voglio rovinarvi le Feste e rubarvi questo piacere. Tuttavia, se desiderate provare qualcosa di nuovo, condividerò con voi due o tre metodi collaudati che mi hanno aiutato a rendere ancora più piacevoli certi abbinamenti tra cibo e vino, durante le festività natalizie. Una modesta “enoconsulenza” articolata in quattro parti.

Mangi locale? Bevi locale! Molte culture in tutto il mondo hanno sviluppato specialità gastronomiche specifiche di un territorio e, contemporaneamente, hanno creato un particolare stile di vino da abbinare alla cucina locale. Nelle aree del mondo vicine a regioni costiere, dove abbondano il pesce e i frutti di mare, l’impatto delle fresche correnti marittime tende a creare vini con un’acidità naturale più elevata; si pensi al Muscadet, bevuto con i crostacei appena pescati. Lo stesso vale per le aree del mondo più soleggiate, dove maturano vini rossi più sostanziosi, da abbinare a carni rosse e costate di dimensioni generose, scottate alla fiamma. Tuttavia, non esiste una sola scelta giusta. Non c’è motivo per cui la stessa bistecca alla griglia non possa essere abbinata a un Cabernet californiano, a un Brunello di Montalcino, a uno Shiraz australiano o a un Malbec argentino. Sentitevi liberi di sperimentare e di sostituire le varietà con climi e regioni simili.

© frederique wacquier/iStock
© frederique wacquier/iStock
Gli opposti si attraggono e i sapori simili si annullano: qui andiamo su un terreno forse complicato, quindi cerchiamo di capire meglio. Gli opposti si attraggono: piatti caldi, salati e croccanti si abbinano perfettamente a vini freddi, dolci e materici. Quando si parla di abbinamenti cibo/vino, alcune delle esperienze più sorprendenti e sinergiche nascono quando l’energica acidità di un vino si insinua nella grassa pastosità di un piatto o quando i tannini di un vino rosso si legano alle proteine della carne rossa. Questi opposti si affrontano in modo da regalare un piacere quasi profondo al bevitore, rivelando infinite sfumature al palato.


I sapori simili si annullano: i sapori simili in un piatto tendono ad annullare lo stesso gusto nei vini, come nel caso di sapori selvatici, salati e di selvaggina in un piatto che annullano i sapori selvatici, salati e di selvaggina di un Syrah e spostano l’espressione del vino verso note più terrose, fruttate o floreali. Lo stesso vale per i sapori terrosi dei funghi e del tartufo con il Borgogna rosso e il Nebbiolo piemontese, dove l’espressione del vino si sposta per mostrare un aspetto più floreale. Avete un Cabernet o un Carmenère dall’odore e dal sapore “verde” e volete ridurre al minimo questa espressione al palato? Provateli con i peperoni e sentirete sparire il “verde” e affiorare note di bacche succose.

Abbinare cibi intensi a vini intensi: questo è un suggerimento essenziale e prezioso. Quando state per misurarvi con un piatto dai sapori intensi e sconsideratamente ricco, scegliete un vino dal sapore altrettanto intenso. Prendiamo ad esempio il foie gras scottato e il Sauternes: un abbinamento classico e senza tempo. Il sapore pieno del foie gras, che avvolge cremoso il palato con succulenta sapidità, offre un’esperienza gastroenologica sinergica, nello splendido e classico abbinamento con la dorata rotondità del Sauternes. La sontuosa dolcezza del Sauternes si coniuga alla perfezione con la sapidità del foie gras, mentre la morbidità e le leggere note acidule del vino si specchiano nella grassa cremosità del foie gras, equilibrandola ed esaltandola.
© karandaev/iStock
© karandaev/iStock

Bevete quello che vi piace: il consiglio più semplice! A volte l’abbinamento giusto per una determinata specialità natalizia non è affatto un vino, ma piuttosto una fragrante e spumeggiante birra o un cocktail a base di sidro speziato, riscaldato e fortificato. Divertitevi e bevete quello che vi piace.

Quando va aperta quella bottiglia speciale?

Non c’è bisogno di un’occasione particolare per aprire una bottiglia di vino speciale. Viceversa, l’apertura di una bottiglia scelta con attenzione, magari conservata a lungo e gelosamente, diventa in se stessa l’occasione speciale. Se c’è una cosa che ho imparato negli ultimi due anni è che la vita è breve. Vivete pienamente, divertitevi e amate le persone che vi stanno accanto. Nel corso della mia carriera, alcune delle bottiglie di vino più memorabili le ho condivise con chi amo, con la mia famiglia e i miei amici. Le Feste sono un momento perfetto per aprire una bottiglia speciale; quindi, se amate lo spirito di comunione del Natale, aprite la bottiglia che vi sta a cuore e condividetela con chi vive con voi queste giornate uniche.

Spero che questi suggerimenti vi saranno utili. Non abbiate paura di provare qualcosa di nuovo e ricordate: bevete quello che vi piace!

Da parte di tutti noi di Robert Parker Wine Advocate e del Gruppo Michelin, auguri di buone feste.

Pace, amore e… santé!

Hero Image : Eloi_Omella/iStock

Vini

Continua ad esplorare - Articoli che potrebbero piacerti