Novità 1 minute 06 agosto 2019

Napoli incontra l’Emilia: Iacobucci is back!

Terminata l’esperienza presso lo stellato I Portici di Bologna, lo chef campano di Castellammare di Stabia - Agostino Iacobucci - ha finalmente aperto il suo ristorante eponimo, dopo lustri trascorsi alle dipendenze di altre strutture e in seguito ad un anno sabbatico nel quale ha viaggiato ed aperto la mente, nonché il palato a nuove suggestioni.

Welcome home! In quella che non è di fatto la sua casa, ma in un certo senso la culla professionale da dove l’ascesa è iniziata.


A Castelmaggiore, praticamente a due passi dalla “città dotta”, un parco secolare immerso nel verde sottolinea il fascino di una dimora tardo cinquecentesca: è villa Zarri - sede di un celebre produttore di distillati.


In questa sontuosa cornice, tra lampadari di Murano e soffitti affrescati, il cuoco realizza una felicissima sintesi di cucina partenopea ed emiliana, a cui si aggiungono proposte più personali, di terra e di mare in piatti di alto livello: moderni per ricette ed impostazioni.
Aperto sia a pranzo che a cena, affrettatevi a prenotare uno dei suoi nove tavoli, assecondando il consiglio dell’ispettore che raccomanda di non rinunciare al dessert. Ad uno, in particolare: il delizioso babà a tre lievitazioni. Le origini di Agostino, si diceva…

Novità

Segui la Guida MICHELIN sui social per aggiornamenti e informazioni dell'ultima ora.