News 3 minuti 04 giugno 2024

La Guida MICHELIN e il suo contributo agli Alleati nel D-Day

Il 6 giugno 2024, l'Hôtel des Ventes (Casa d'Aste) di Clermont-Ferrand si prepara a mettere all'asta una rara Guida del 1939. Ripubblicata nel 1944 alla vigilia del D-Day dai servizi segreti americani, si pensa che sia stata utilizzata per guidare gli Alleati durante la Seconda Guerra Mondiale.

Alla casa d'aste di Clermont-Ferrand, gli occhi di tutti erano puntati sul lotto 1: una Guida rossa d'epoca, datata 1939... Accanto ad essa c'era una seconda copia, anch'essa dello stesso anno. Curiosamente, la copertina di quest'ultima è color sabbia. Di cosa si tratta?

Tra gli addetti ai lavori viene chiamata guida “americana”. O la “guerra”. Alla vigilia dell'80° anniversario dello sbarco alleato in Francia, il libro è altamente simbolico.

"È stato ristampato nel 1944 dagli Americani, in diverse migliaia di copie, spiega entusiasta il banditore Bernard Vassy. Poco prima di partire per combattere il nemico nazista in Francia, il libro sarebbe stato infilato negli zaini degli ufficiali americani".

Ma come poteva questa guida di viaggio e gastronomica essere utile agli Alleati? Quando quasi tutti i ristoranti francesi erano distrutti, chiusi o non potevano rifornirsi?

© Hôtel des Ventes di Clermont Ferrand Vassy et Courtadon
© Hôtel des Ventes di Clermont Ferrand Vassy et Courtadon
Quando la Guida MICHELIN era un'arma da guerra

Naturalmente questi poveri soldati non venivano per turismo”, ricorda Vassy. Non erano interessati ai ristoranti stellati. Nel 1943, mentre si preparavano agli sbarchi sulla costa francese, gli Alleati cercavano un documento pratico e facile da portare con sé per aiutare i loro ufficiali a orientarsi, soprattutto nelle città francesi private dal nemico della segnaletica stradale. Il problema era che le mappe del personale in loro possesso erano incomplete.


Il sentiero di Gustave Moutet

La soluzione venne probabilmente da un sottufficiale francese, Gustave Moutet. Questo combattente della Resistenza si era recato in Gran Bretagna nel giugno 1940. Nel 1942, notando la scarsa qualità dei piani utilizzati dagli Alleati, fu lui a suggerire di riprodurre in facsimile la Guida del 1939 che aveva portato con sé. Sua figlia, la giornalista Anne-Elisabeth Moutet, fu la prima a raccontare l'aneddoto in un articolo del Sunday Times pubblicato nel 1984. Lo Stato Maggiore Alleato contattò MICHELIN e i servizi segreti di Washington realizzarono una tiratura speciale.

Bibendum GI. estratto dalla rivista interna  « Bibendum News » maggio 1984, in un articolo  commemorativo dei 40 anni della Battaglia di Normandia © L'AVENTURE MICHELIN (archivi)
Bibendum GI. estratto dalla rivista interna « Bibendum News » maggio 1984, in un articolo commemorativo dei 40 anni della Battaglia di Normandia © L'AVENTURE MICHELIN (archivi)
Una guida più accurata delle carte degli Alleati!

Il libro fu distribuito a tutti i comandanti delle unità che parteciparono agli sbarchi del D-Day per la sua facilità d'uso. Le città francesi, elencate in ordine alfabetico, e l'accuratezza delle mappe delle città ne fanno “un documento completo, facile da capire anche per chi non parla francese, anche in combattimento”, sottolinea Bernard Vassy.


Jérôme Mottier è vicepresidente dell'Association des Collectionneurs de Guides et Cartes Michelin (ACGCM). Questa associazione riunisce circa trecento appassionati di omini Michelin in Francia, Belgio e Svizzera. “Io stesso ho la fortuna di possedere una copia di questa famosa edizione americana. A pensarci bene, il libro è stato una miniera d'oro per gli Alleati. Indica lo stato delle strade, la distanza tra le stazioni di servizio, il peso trasportato dai ponti...”.

© Hôtel des Ventes di Clermont Ferrand Vassy et Courtadon
© Hôtel des Ventes di Clermont Ferrand Vassy et Courtadon
L'unica Guida rossa... che non è rossa!

“È l'unica Guida rossa che non è rossa”, afferma il banditore Bernard Vassy. “In linea di massima, i contenuti sono esattamente gli stessi dell'edizione originale. Gli americani hanno semplicemente cambiato la copertina. Hanno scelto questo colore sabbia, un colore neutro e universale, senza dubbio perché una copertina rossa sarebbe stata troppo vistosa”.

Gli addetti ai lavori riconosceranno anche la dicitura in cima alla copertina che indica che è per uso militare (“For Official use only”). In basso, inoltre, si legge: “Reproduced by Military Intelligence Division War Department Washington”. In altre parole, ripubblicata dai servizi segreti americani.

“Questa guida americana è molto più spessa della Guida Rossa originale e molto più fragile”, spiega Jérôme Mottier. “Come si può vedere, la carta è di qualità inferiore, come è prevedibile in tempo di guerra”. Sebbene il mistero che la circondava e che ha incuriosito a lungo i collezionisti, sia ormai stato sciolto, “finora nessuno ha una cifra precisa per il numero di ristampe”, lamenta l'appassionato. “Forse 5.000, 10.000 copie? Non lo sapremo mai, a meno che l'informazione non torni negli Stati Uniti e qualcuno abbia miracolosamente la risposta”.

Il fac-simile del 1944 è più spesso rispetto all'edizione originale del 1939 © Jérôme Mottier- ACGCM
Il fac-simile del 1944 è più spesso rispetto all'edizione originale del 1939 © Jérôme Mottier- ACGCM

Una rarità praticamente impossibile da trovare al giorno d'oggi.

“In venticinque anni di carriera, ne avrò venduti sei o sette”, confida il banditore dell'Hôtel des Ventes di Clermont-Ferrand. È molto più rara da trovare della Guida Rossa del 1900, di cui ho già venduto quaranta copie”.

Secondo l'esperto, è possibile che gli ufficiali americani sopravvissuti abbiano portato a casa queste guide, utilizzate durante gli sbarchi del D-Day, come souvenir. “Ma la maggior parte di esse deve essere stata gettata via o persa dopo la Liberazione. Le poche copie sopravvissute al mondo riportano il nome di un ufficiale americano, di solito un ufficiale superiore, sulle prime pagine. È il caso del libro di Jérôme Mottier.

© Hôtel des Ventes de Clermont Ferrand Vassy et Courtadon
© Hôtel des Ventes de Clermont Ferrand Vassy et Courtadon

L'incredibile storia di un collezionista della Guida MICHELIN

« Ho trovato strano che il libro che avevo acquistato fosse così ben conservato, quasi intatto”, racconta il vicepresidente dell'ACGCM . “Ho fatto delle ricerche basandomi sul nome scarabocchiato sopra, Henry J.-F. Miller, scoprendo che si trattava di Henry Jervis Friese Miller, un ex generale dell'aviazione statunitense durante la Seconda guerra mondiale.

L'anno era il maggio 1944. Durante una cena al Claridge's di Londra, Miller (che probabilmente aveva bevuto un po' troppo) commise un errore e rivelò l'impensabile: la data dell'imminente sbarco del D-Day! Un rapporto dell'Associated Press riportò il suo commento: “Sul mio onore, l'invasione avverrà prima del 15 giugno”. Panico a bordo. Il generale Eisenhower degradò l'imprudente e lo rimandò negli Stati Uniti. Miller e la sua Guida MICHELIN non vissero abbastanza per vedere il D-Day".


Henry_J._F._Miller- By United States Army - Library of Congress LC-USE613-D-008220, Public Domain
Henry_J._F._Miller- By United States Army - Library of Congress LC-USE613-D-008220, Public Domain
La vendita del prossimo 6 giugno potrà battere un record!

« Questa versione militare costituisce - oggi - una sorta di Santo Graal per tutti gli appassionati", afferma Bernard Vassy. Stimato tra i 5.000 e i 7.000 euro, l'esemplare della casa d'aste di Clermont-Ferrand potrebbe raggiungere decine di migliaia di euro il 6 giugno. Nel 2020, la casa d'aste ha venduto una Guida MICHELIN del 1900 per 33.549 euro, ma per me è soprattutto un oggetto estremamente commovente. Si può essere banditori e romantici! Posso dirvi francamente che preferirei che questa guida non raggiungesse un prezzo record, ma che tornasse negli Stati Uniti, da un collezionista appassionato»

Consegna delle carte agli Americani, agosto 44, n° 1 © L'AVENTURE MICHELIN (archivi MICHELIN)
Consegna delle carte agli Americani, agosto 44, n° 1 © L'AVENTURE MICHELIN (archivi MICHELIN)

Durante la Seconda Guerra Mondiale, MICHELIN aiutò lo Stato Maggiore Alleato in molte occasioni. In particolare, fornì segretamente diverse centinaia di migliaia di preziose carte della Francia settentrionale e orientale, nonché del Belgio.

Per saperne di più, noi vi suggeriamo la seguente guida: Plages du débarquement et bataille de Normandie, edizione speciale in occasione dell''80esimo anniversario dello sbarco. 12,95 € su shop on line L'Aventure MICHELIN.


In copertina: © Hôtel des Ventes di Clermont Ferrand Vassy et Courtadon

News

Continua ad esplorare - Articoli che potrebbero piacerti