In viaggio 3 minuti 13 giugno 2023

Via dal mondo!

Eremito, una struttura ad alto impatto sostenibile, vi connette con ciò che più conta.

Sostenibilità Viaggio

Non sono molti gli hotel che dichiarano di avere le camere più piccole d'Europa. Eremito si vanta di questo risultato, chiamando le sue camere "celluzze", ovvero: celle destinate a evocare la vita ascetica di un monastero. Da qui in poi le cose si fanno ancora più interessanti…
Eremito è uno degli hotel più affascinanti della Guida MICHELIN - e quello che meno assomiglia a un hotel.

Si trova alla periferia di 3.000 ettari di foresta protetta, in un antico edificio in pietra ricostruito secondo gli standard contemporanei di sicurezza e sostenibilità. Ospita gli ospiti, ma le somiglianze con un hotel tradizionale finiscono qui. Le camere monastiche di Eremito sono di soli 9 metri quadrati e non contengono vetri, ma solo ceramiche artigianali. La cena viene servita, ma in un modo che probabilmente non avete mai sperimentato prima. L'elettricità è scoraggiata e internet è estraneo. Il lume di candela brilla dappertutto. C'è ben poco che vi distragga da voi stessi.

La mancanza di wi-fi, di telefoni, di televisori e di mini-frigo è il motivo per cui tante riviste gli hanno dedicato spazio nelle loro pagine. Ma questo posto è molto più di una disintossicazione digitale alla moda. È uno dei rari hotel nel mondo occidentale che si rivolge specificamente a chi viaggia da solo e, secondo i dati della risorsa, i visitatori solitari rappresentano circa il 70% dei suoi ospiti.

"Chi viaggia da solo arriva con qualcosa da risolvere", ci spiega il proprietario-filosofo, Marcello Murzilli, "Persone deluse in amore e stanche della propria vita professionale che vagheggiano un cambiamento. O semplicemente soggetti particolarmente attivi che - il tempo di un soggiorno – necessitano di staccare la spina, nel vero senso della parola".
"Chiedo sempre: "Com'è il tuo bagaglio? Piccolo, medio o grande?"

Questo non è il primo tentativo di Murzilli di aiutare a sollevare il bagaglio emotivo. Ex stilista, alla fine degli anni Novanta ha creato il celebre Hotelito Desconocido, che attirava i ricchi e i famosi nella giungla della costa pacifica del Messico con la promessa di un'esperienza di lusso senza tecnologia. Dopo quattordici anni, Murzilli è tornato in Italia per fare qualcosa di simile. Voleva una “giungla italiana” e l'ha trovata in Umbria, regione centrale e bucolica del Paese, nonché culla di San Francesco.

L'edificio in pietra che ospita Eremito era solo un rudere al momento della sua individuazione. L’origine è sconosciuta, ma Murzilli parla con riverenza della spiritualità storica e monastica della regione che lo ospita. Per lui è valsa la pena di impiegare cinque anni per demolire la struttura e ricostruirla - incorporando le pietre originali dell'edificio - rispettando le norme antisismiche e un sistema elettrico a energia solare.

Il layout della struttura segue l'impronta originale, mentre gli interni seguono l'immaginazione di Murzilli. Le piccole stanze sono pensate per dare un senso di ascetismo e, sebbene si tratti per lo più di visitatori solitari, le coppie stanno insieme negli spazi delle stesse dimensioni. Murzilli li prende in giro per i letti alla francese. "Se il marito dice che il letto è troppo piccolo, suggerisco alla moglie di lasciarlo, perché quando l’ha conosciuto il letto piccolo gli piaceva. Eccome!"

A metà strada tra Roma e Firenze, Eremito è uno spazio fuori dagli schemi, un albergo sociale. "Dimentichiamo", riflette Murzilli, "che quando entri in un albergo [normale] non sei nessuno. Sei un numero. Qui è incredibile. In un'ora si conoscono tutti".

Al mattino c'è la meditazione, poi lo yoga, poi la colazione. Murzilli consiglia a tutti di fare una passeggiata nel bosco, e in questa occasione iniziano a formarsi i veri legami. "Le persone parlano insieme di cose private", dice. Quando si viaggia si ha sempre la sensazione di ricominciare da capo. A Eremito, questa è l'attrazione principale. "Qui nessuno ti giudica", insiste Murzilli. E ci si ritrova a stringere legami più profondi del previsto. A differenza del Desconocido, dove una notte può costare fino a mille dollari, le tariffe dell'Eremito sono accessibili e tendono ad attrarre persone molto ricche o studenti avventurosi che percorrono le loro strade. "È questo che lo rende speciale", dice il proprietario. "Qui possono parlare di cose private perché vengono per lo spirito, per l'anima". "Quando [gli ospiti] se ne vanno, piangono. Vi siete conosciuti tre giorni fa!", dice ridendo. "L'atmosfera è fantastica".


È stato definito un monastero contemporaneo e l'intimità che vi si respira è il grande orgoglio di Murzilli. Ma questa è la Guida MICHELIN, e l'Eremito non è solo lusso spirituale. Per quanto ascetiche siano le celluzze, le strutture dei letti in ferro battuto ospitano spesse lenzuola di canapa. Una scrivania in pietra può affacciarsi sulla verde vallata e in inverno c'è il riscaldamento a pavimento. I bagni sono dotati di lavandini in marmo e saponi artigianali da abbinare a enormi soffioni in ottone. Le ceramiche artigianali sono realizzate da artigiani locali e la spa dispone di piscina e bagno turco. I pasti sono rigorosamente vegetariani, di provenienza locale se non coltivati nell'orto di Eremito.

L'unico posto in cui non si parla è la cena. Duecento candele illuminano la stanza, mentre il cibo viene apprezzato, come un'esperienza religiosa, senza conversare.
Il pasto di quattro portate si conclude come è iniziato, con l'eco di un gong che annuncia il trasferimento nella lounge per la lettura al caminetto e il tè. Se il mondo dell'ospitalità sta prendendo piede l'idea che il lusso è la fuga dalla tecnologia, sono dettagli come questo che fanno dell'Eremito una classe a sé stante.

Che si venga per pochi giorni o per settimane, Eremito non è l'esplorazione della campagna: essere qui, con se stessi, conoscere i perfetti sconosciuti che ci circondano, questa è l'attività. La maggior parte di coloro che vengono qui conoscono l'accordo, ma Eremito fa parte della collezione Marriott, e Murzilli ridacchia mentre descrive l'accoglienza di coloro che vengono da Bonvoy e si aspettano una camera di lusso e ricevono una cella di 9 metri quadrati. Superato lo shock iniziale, una sensazione di pace e piacevolezza prende il sopravvento perché hanno trovato qualcosa di veramente diverso.
"Sono assolutamente sicuro, al 100%, che questo è il futuro del lusso” afferma. "Non possiamo cambiare il mondo, non possiamo eliminare lo stress della tecnologia dalla vita quotidiana. Ma per il tempo di una vacanza, sì! "

Venite qui e tornate a godere della vita, per davvero!



Prenota il tuo soggiorno a Eremito tramite Guida MICHELIN Hotel.

In copertina: Panoramica ©Eremito

Tutte le foto dell'articolo ©Eremito

In viaggio

Continua ad esplorare - Articoli che potrebbero piacerti