Food Sapiens 1 minute
Intervista allo chef ANTONIO GUIDA - ristorante Seta by Antonio Guida, Milano

Classica e moderna, di terra e di mare, la cucina di Antonio ha tanto da raccontare e se le origini sono pugliesi, il suo cuore ormai batte per la città della Madonnina!

Ultimissime

In Viaggio 1 minute
Sapori vulcanici: circumetnea gourmet
A 3340 metri l’Etna è il vulcano attivo più alto d’Europa e le sue incessanti sovrapposizioni laviche, come sculture naturali tra cielo e mare, hanno creato uno dei territori italiani più unici e affascinanti in termini di intensità visiva e contrasti paesaggistici. A loro volta punteggiati da eccellenti materie prime quali pistacchio di Bronte, mele, nocciole, pesche tabacchiere, fragole di Maletto e maiale nero dei Nebrodi. Ingredienti di alta qualità poi utilizzati da Bib-Gourmand e ristoranti stellati de la guida MICHELIN nei pendii delle meravigliose terre nere: prodigio geologico sul versante nord-orientale della Trinacria, dove la destinazione territori etnei - inserita tra i Patrimoni UNESCO - è sempre più oggetto di un crescente interesse internazionale.
Ricette 1 minute
“Sfera fondente ripiena con crema chantilly e frutti di bosco freschi, con colata di cioccolato caldo” – ristorante Silene, Seggiano
In un paesino di montagna di poche anime, Roberto Rossi, chef-patron del ristorante Silene, seduce i suoi ospiti con una linea di cucina decisamente toscana dai sapori intensi e fragranti. Nella ricetta qui di seguito presentata, abbandona – però - i proverbiali dolci tipici della regione - dal castagnaccio alla torta coi bischeri, dal panpepato al panforte, zuccotto e buccellato, per avventurarsi in un viaggio fatto di cioccolato, crema pasticcera, chantilly… Benvenuti nel girone dei golosi!
Selezione 1 minute
Assisi: locanda del Cardinale
Nelle piccole località ad alta affluenza turistica come Assisi – probabilmente la meta più famosa dell’Umbria e paese natale di San Francesco – l’autenticità gastronomica tende a diluirsi con il crescere dell’offerta. Un motivo in più per affidarsi alla selezione MICHELIN e andare sul sicuro prenotando un tavolo presso la Locanda del Cardinale.
Rubriche 1 minute
Il Porceddu
Il porceddu è un maialino da latte di razza rigorosamente sarda cotto allo spiedo con fuoco vivo da legna ardente. L’esecuzione perfetta - da provare innanzitutto negli agriturismi e ristoranti selezionati da la guida MICHELIN nell’entroterra dell’isola - avviene quando la pelle è croccante come una “chips” ed il grasso si scioglie in bocca lubrificando le parti magre.
Selezione 1 minute
Rosso di Sera: l’enotavola dei fratelli Gramegna
Nato come wine-bar nel 2007 ed affermatosi nella decade successiva tra i migliori indirizzi del Lago Maggiore, il ristorante Rosso di Sera – piatto de la guida MICHELIN a Castelletto verso Ticino - è cresciuto a ritmi supersonici dal 2009 con il passaggio ai fornelli di uno dei due fratelli Gramegna: seri professionisti del settore ed instancabili lavoratori con piacere della cucina, passione per l’enologia e senso dell’ospitalità nel sangue.
Selezione 1 minute
Ispinigoli a Dorgali: cibo, vino e vista
L’hotel e ristorante Ispinigoli - piatto de la guida MICHELIN vicino all’omonima grotta resa celebre dalla stalagmite più alta d’Europa – racconta una bella e lunga storia di accoglienza familiare cucita attorno alle più autentiche tradizioni sarde.
Selezione 1 minute
Antica Osteria Moirago: fascino d’antan alle porte di Milano
Lungo il Naviglio Pavese, dove le ultime propaggini della periferia milanese si stemperano per prepararsi all’incontro con il parco del Ticino, nel 1250 sorse un convento… Sembra l’incipit di una fiaba, ma è proprio nel Medioevo che affondano le mura di questo ristorante, già operante come osteria nel 1478.
In Viaggio 1 minute
Stabilimenti e ristoranti sul mare de la guida Michelin
Mare e cibo sono amplificatori emozionali ed anche per questo, poche soluzioni d’ospitalità trasmettono lo stesso senso di piacere e benessere dei ristoranti stellati MICHELIN sugli arenili e degli stabilimenti balneari con cucina di qualità. Indirizzi da scoprire sfogliando la guida rossa che sul tema suggerisce gustose soste a Savona, Vico Equense, Rimini e Senigallia.
Food Sapiens 2 minutes
Chef ALBERTO BETTINI - Trattoria da Amerigo, Savigno
Buongiorno signor Bettini, la sua è una cucina tradizionale emiliana, apparentemente immutabile nel tempo, eppure anche i suoi piatti avranno avuto un’evoluzione: quali sono stati i cambiamenti più significativi nel corso degli anni? Sì, la nostra cucina parte dalle basi apparentemente immutabili della tradizione. L’evoluzione naturale, ma fortemente voluta da me, è data dal miglioramento qualitativo delle materie prime e dalla loro maggior salubrità. Altro elemento di distinzione è la loro provenienza locale, possibilmente da reali coltivazioni ed allevamenti biologici o biodinamici. L’evoluzione delle attrezzature e delle tecniche ci aiuta oggi molto di più nella precisione delle cotture e nel rispetto delle materie prime.
Ricette 1 minute
“Gazpacho e gamberi” – ristorante Morelli, Milano
Uno dei piatti più famosi dell’assolata Spagna e, per la precisione, della regione andalusa, la sua freschezza conquista presto anche il Portogallo, sebbene fonti autorevoli attribuiscano la sua genesi all’Impero Romano, altre al mondo arabo. Zuppa a base di verdure che in origine si preparava solo con pane raffermo, olio e aceto, nel corso dei secoli venne inserito anche il pomodoro: da qui il colore acceso che lo contraddistingue e che può variare a seconda della concentrazione e della qualità. Secondo la tradizione, il gazpacho va servito rigorosamente freddo, anche se qualcuno lo predilige a temperatura ambiente. Se nell’antichità si trattava di un piatto molto umile, di tradizione popolare, con il tempo questa saporita specialità è diventata “patrimonio” di tutti, offrendo quindi il destro alle più svariate personalizzazioni. Qui di seguito, quella dello chef Giancarlo Morelli.
Novità 1 minute
GUIDA MICHELIN X ILLY
C’è arte in tutto ciò che facciamo GUIDA MICHELIN x ILLY ritorna con un secondo evento esclusivo !
Selezione 1 minute
39 STILI DI CUCINA NELLA GUIDA MICHELIN CHICAGO 2019
Temporis ottiene la sua prima stella
In Viaggio 1 minute
Paestum; templi, stelle, storia ed eccellenze gastronomiche
Tramonti sul mare, mura e templi greci di ordine dorico, cene stellate, aziende agricole gioiello.
In Viaggio 1 minute
Verona gastronomica; eccellenze e novità
Verona è un concentrato di arte e alta gastronomia dove grandi tavole come il Ristorante Casa Perbellini – due stelle MICHELIN – hanno contribuito a dare ulteriore slancio e creatività alla città scaligera: «Sicuramente, in trentotto anni di lavoro in cucina – racconta Giancarlo Perbellini – ho avuto e seguito tanti ristoranti (e pasticcerie ndr) e formato tanti cuochi che oggi sono a capo di ottimi locali».
Selezione 1 minute
Rifugio Fuciade! Tavola, ospitalità, vette e silenzio
Il Rifugio Fuciade (piatto nella guida MICHELIN 2017) sorge tra vette dolomitiche e alpeggi a 1982 metri di quota ed è uno dei pochi indirizzi gourmet della Guida Michelin del Passo San Pellegrino; punto d’incontro tra Val Di Fassa e Val Biois.
Selezione 1 minute
Posta; viaggio nell’enoteca più alta d’Italia
L’enoteca Posta di Montespluga all’interno dell’omonimo albergo è un imperdibile indirizzo gioiello della guida MICHELIN tra le montagne che circondano il Passo dello Spluga al confine tra Italia e Svizzera.
Selezione 1 minute
Il Rosmarino di Garlenda; eleganza e profumi liguri
Il ristorante Rosmarino dell’hotel La Meridiana di Garlenda – Relais&Chateaux di charme tra Montecarlo e Portofino – è l’indirizzo ideale per scoprire sapori, natura, tradizioni e borghi della Liguria.
In Viaggio 2 minutes
Da Noli a Ventimiglia alla scoperta della Riviera di Ponente Ligure
La nostra proposta di itinerario parte da Noli, facilmente raggiungibile in due ore circa sia da coloro che vivono in provincia di Torino, sia da chi abita in provincia di Milano.
Segui la Guida MICHELIN sui social per aggiornamenti e informazioni dell'ultima ora.